Esperienza presentatrice Avon 

Ciao a tutti!🌸

 

Oggi ho deciso di non mostrarvi nessun prodotto o vestito che mi ha particolarmente colpito, bensì di parlarvi della mia esperienza come presentatrice Avon. Ho deciso di fare questo post perché, anni fa, per decidere se fare la presentatrice o meno cercavo quante più informazioni possibili sul web. Ora, che ho vissuto tale esperienza in prima persona, voglio dare il mio parere.

L’anno scorso verso marzo, cercavo un lavoretto non troppo impegnativo, dato lo studio, ma che mi facesse guadagnare qualcosa per avere una mia piccola indipendenza economica.

Così, in un pomeriggio di follia, dopo averne parlato con mia mamma (che non era d’accordo) ho deciso di lanciarmi comunque in questo progetto.

Così mi sono registrata sul sito dell’Avon, ho cercato la pagina riguardante le presentatrici, ho messo tutti i miei dati, fino a quando dopo meno di due settimane mi ha chiamato la responsabile dell’Avon della mia zona.

Mi ricordo che mi aveva chiesto per telefono il motivo per il quale volessi diventare presentatrice, da chi ero stata informata dell’esistenza di questo marchio e quanti anni avessi.

Infatti, se avete meno di 18 anni credo che possiate comunque lavorare per Avon a patto che i vostri genitori firmino per voi un modulo contenente tutto il regolamento e la nomina per presentatrice.

Comunque, come dicevo, dopo aver risposto a tutte le varie domande al telefono, abbiamo fissato un appuntamento per vederci, così che la responsabile di zona mi spiegasse bene il ruolo della presentatrice.

Giunto il giorno dell’appuntamento, la signora mi aveva dato una borsettina contenente un pó di cataloghi Avon e qualche campioncino, mi ha mostrato le varie strategie di vendita (in sintesi mostrare i cataloghi a ogni persona, che si conosca o meno), quali erano i prodotti più gettonati di quel periodo, perchè Avon era un buon marchio ecc.

Con le prime richieste da parte dei clienti, avevo il mio primo ordine (che se non ricordo male era di quota minima 65€), dunque c’è stato un secondo incontro con la signora. Quella volta mi aveva spiegato come fare l’ordine online, cosa fare nel caso in cui la cliente volesse cambiare prodotto e altre cose tecniche (procedure molto semplici da fare)

E così il primo ordine era stato inviato, e continuai cosi per un po’ di tempo


Sicuramente ero contenta del fatto di poter avere anche solo un minimo di “indipendenza” economica però, con il passare del tempo, capivo che fare la presentatrice era un ruolo che non mi apparteneva.

Mi vergognavo a chiedere a parenti, compagni di classe e amici di sfogliare il catalogo, e non volevo essere considerata una “pressa” , non volevo costringere nessuna persona a comprare (perché siamo onesti, se vuoi vedere devi un po’ convincere le persone, a volte stressandole anche)

Oltre a questo aspetto se ne aggiunsero altri, infatti:

  • I cataloghi che davano gratis erano solo uno per ogni campagna, quindi gli altri bisognava comprarli di tasca propria
  • I sacchetti erano da comprare
  • I campioncini di profumi, creme e rossetti in più erano da comprare
  • Bisognava anticipare i soldi della gente che ordinava prodotti senza però pagare
  • Si guadagnava troppo poco (su 60€ all’incirca una presentatrice ne intasca 10, di cui alcuni servono per comprare le cose sopra elencate)

Gli aspetti positivi erano invece:

  • Le presentatrici hanno degli sconti
  • Si può crescere in termini di carriera e guadagnare qualcosa di più (ma non pensate sia facile)
  • Agli incontravon (riunioni per conoscere le altre presentatrici e i prodotti) davano cose in omaggio
  • Ci sono dei premi per chi vende molto

COSA NE PENSO:

Dunque, in generale è stata un’esperienza abbastanza positiva ma arrivata a un certo punto, vedendo che facendo la presentatrice avevo guadagnato solo 80€ su 400€ di ordine, ho deciso di mollare, poiché c’era davvero più stanchezza e stress che guadagno.

Ovviamente, parlo della mia esperienza, ciò che dico non è qualcosa di universale.

A differenza di me, ci sono ragazze che hanno vinto anche premi, come crociere, grazie ad Avon.

Questo è solamente il mio punto di vista e volevo condividerlo con voi e in particolare con le ragazze che stanno pensando se diventare una presentatrice o meno. Io vi ho dato dei piccoli input, ora sta a voi tirare le somme.

Sappiate che l’unica cosa importante, qualsiasi scelta facciate, è che essa vi renda consapevoli, felici e senza rimpianti.

Spero che questa piccola testimonianza vi sia piaciuta e vi abbia aiutate

A presto 😘

Claudia


  • CONTACTS

INSTAGRAM: claudiadonvito

 

 

Annunci

One thought on “Esperienza presentatrice Avon 

  1. Ciao, ho letto il tuo articolo e sono d’accordo con te…se non hai tempo da dedicare a questo lavoretto è meglio lasciar perdere… Io mi sono lasciata convincere oggi, ma sinceramente riflettendo bene, credo che per me che passo la maggior parte del tempo a casa a studiare, anche raggiungere i 65€ è un problema… Cosa succede se non effettuò gli ordini? La responsabile di zona mi ha detto che sono obbligata a farli per almeno 6 campagne… Oppure se comunico la disedetta devo farne solo 3. Anche tu dopo il tuo primo ordine sei stata obbligata a fare altre 3 campagne? Come ti sei “cancellata” da rappresentante?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...